Surface Go 2: display più grande, ma il prezzo rimane alto | Recensione

08 Settembre 2020 339

Rimani aggiornato quotidianamente sui video, approfondimenti e recensioni di HDblog. Iscriviti ora al canale Youtube, basta un Click!

Qualche mese fa, per la precisione a maggio, Microsoft ha presentato Surface Go 2: il piccolo 2-in-1 della casa di Redmond rappresenta la proposta entry-level nella linea Surface e va a rimpiazzare il primo modello, lanciato nel 2018, introducendo alcune novità in termini di dimensioni del display, autonomia e potenza.

Le vacanze mi sono parse un'ottima occasione per testarlo: dovendo concludere dei progetti di lavoro, mi serviva un supporto che mi permettesse di lavorare in mobilità senza occupare troppo spazio in valigia. Così, per una volta, il mio laptop da 13'' ha dovuto cedere il passo - soprattutto considerandone l'ingombro - a qualcosa di più compatto.

Senz'altro il Surface Go 2 risponde a questa esigenza. Uno dei punti forti del prodotto, inutile girarci intorno, sono le dimensioni: grazie alla presenza di Windows, è praticamente un pc che occupa lo spazio di un libro, un unicum nel panorama dei tablet sui 10''. Quindi, ecco qui come se l'è cavata.

STESSA SCOCCA, DISPLAY PIÙ GRANDE

Di primo acchito, guardandolo da chiuso, potrebbe sembrare che non sia cambiato nulla rispetto al Surface Go del 2018: la scocca è in magnesio e le dimensioni sono le stesse identiche del predecessore (245 x 175 x 8,3 mm senza tastiera); confermata dunque la buona qualità costruttiva di quest'ultimo, poco incline a flettersi, solido e decisamente resistente. Sempre ottimo lo stand posteriore, che si può regolare liberamente nell'angolazione preferita per supportare il 2-in-1 in tutte le situazioni d'uso, dalla scrivania all'appoggio sulle gambe.

Non appena aperto però, si manifesta la prima differenza: il display PixelSense è aumentato di dimensioni, passando da 10'' a 10,5'', con un piacevole effetto estetico che assottiglia le cornici. Si tratta di uno schermo Full HD di qualità medio alta, con risoluzione 1920x1280 pixel (220 PPI) e un aspect ratio di 3:2 che rende relativamente più agevole tenere aperte due finestre insieme, potendo visualizzare ad esempio una porzione maggiore delle pagine web in senso verticale.

Veramente elevata la fedeltà cromatica con sRGB al 98,6%, DeltaE medio colori 1,89 e grigi 2,7 (con un valore massimo mai superiore a 4) e un rapporto di contrasto 500:1. Insieme alla luminosità da 335 nit, migliorata di circa il 10% rispetto al predecessore, sono dati indicativi di un display di buona qualità, ben visibile in ambienti chiusi anche molto illuminati.



Qualche difficoltà l'ho invece incontrata in esterna, in particolare sotto la luce del sole diretta, e in treno, lavorando seduta vicino al finestrino, probabilmente a causa del trattamento antiriflesso del vetro Gorilla Glass 3. Il touchscreen invece è preciso e puntuale, anche se trattiene qualche impronta di troppo.

I pulsanti e le porte sono le stesse del Surface Go: accensione, bilanciere del volume, jack audio da 3,5 mm, lettore microSD, porta di alimentazione proprietaria e una USB-C 3.1 (no Thunderbolt) che rappresenta un'ottima soluzione perché permette di ricaricare il dispositivo anche tramite un alimentatore compatibile; per un utilizzo più completo mi sono trovata diverse volte a ricorrere a un hub USB-C. Io vi consiglio quello linkato qui sotto con cui mi sono trovata molto bene.

Passando alla tastiera, disponibile anche in alcantara, c'è poco da aggiungere perché è la medesima del 2018 (il che rende il Surface Go 2 retrocompatibile): i tasti da 14 mm sono leggermente più piccoli dello standard, ma ciò non incide affatto sulla sua usabilità, che è davvero ottima considerate le dimensioni. I tasti hanno una corsa più alta della media e rispondono alla pressione con un feedback sonoro e tattile decisamente premium: una volta prese le misure ci si scrive bene e se siete già abituati ad una soluzione di dimensioni contenute prenderete confidenza molto presto.

PRESTAZIONI E AUTONOMIA

Per sbloccare il pc e iniziare a usarlo basta letteralmente uno sguardo: il riconoscimento di Windows Hello funziona molto bene (sia con che senza occhiali da vista, nel mio caso) grazie ai sensori IR presenti sul lato frontale. Accanto a questi trovano posto, sempre sul lato anteriore in alto, un paio di microfoni e una fotocamera da 5 MP che permette di fare video a 1080p: una qualità notevole per un tablet di queste dimensioni.

Ed è proprio questo elemento che può fornire una chiave di lettura per capire un prodotto come il Surface Go 2: la sua vocazione sono le videoconferenze e l'uso da ufficio o scolastico, che prevede attività di navigazione, videoscrittura, suite Office e visione di contenuti multimediali. Un'interpretazione avvalorata da alcune piccole accortezze nel software integrato, che permette ad esempio di fotografare una lavagna e importare immediatamente le immagini in One Note o Word.

Gli altoparlanti, posti sul lato anteriore e rivolti frontalmente verso l'utente, sono in una posizione intelligente perché non vengono coperti dalle mani, qualsiasi sia l'impugnatura o la modalità che si sta usando. La qualità del suono è media, con bassi poco profondi; il volume massimo potrebbe essere più alto.

Benchmark Surface Go

Surface Go 2
4425Y/8/128
Surface Go
4415Y/8/128
GeekBench 4 2027/4200 2001/3961
Cinebench R15 30.52/160 30.97/161
3DMark FireStrike 328
SkyDiver 2878
FireStrike 294
SkyDiver 2633
PCMark 8 Home 2412 Home 2378
CrystalDisk Mark Seq: 1779/837
4K: 40/70
Seq: 1292/588
4K: 29/49
Temp Max CPU: 74 °C
Esterna: 36°C
CPU: 78 °C
Esterna: 33 °C

Test eseguiti in modalità massime prestazioni, con alimentatore collegato (ad eccezione della misurazione termica).

Il Surface Go 2 monta Windows 10 in modalità S, ovvero quella progettata per la sicurezza, che esegue esclusivamente app del Microsoft Store. Per usare il pc al massimo delle sue potenzialità conviene disattivarla: bastano pochi click di una procedura guidata per passare alla versione Home, e riuscire così a installare app di terze parti. Questa procedura viene proposta in automatico dal sistema nel momento in cui ci si accinge a scaricare e installare una applicazione esterna.

In sostanza, fa bene quello che deve fare, purché non si esageri con il multitasking: insomma, una cosa alla volta. Posta questa condizione, le app girano bene, e anche l'apertura di diversi tab su Chrome viene gestita senza impaccio. Ovviamente parlo per la versione che ho testato, quella intermedia che monta un processore Intel Pentium 4425Y (dual core con 4 threads dotato di una frequenza di base di 1.7 Ghz) con 8 GB di RAM e 128 GB di archiviazione SSD PCIe.

SCHEDA TECNICA SURFACE GO 2

  • Schermo: 10,5” 1920 x 1280 (220 PPI) (3:2) / Gorilla Glass 3
  • CPU: Intel Pentium Gold 4425Y / Intel Core M3 di 8^ gen
  • GPU Intel HD 615
  • RAM: 4 o 8 GB
  • Memoria interna: 64 GB eMMC o 128 GB SSD
  • Fotocamere: posteriore da 8 MPX / Frontale IR da 5 MPX con Windows Hello
  • Connettività: Wi-Fi ac-ax / Bluetooth 5.0 / LTE (opzionale) con modem Qualcomm Snapdragon X16
  • Porte: microSD / USB-C / Jack 3.5 mm / Surface Connect
  • Telaio: 245x175x8.3 mm / Peso: 544 grammi (con tastiera 245x175x10.3 mm, 790 grammi)
  • Alimentatore da 24 W ([email protected])
  • Sistema operativo: Windows 10 S

Come si evince dai benchmark, abbiamo un upgrade importante del disco rispetto al modello precedente: la velocità di lettura e scrittura sequenziale è aumentata di circa il 50%, e anche quella di lettura e scrittura randomica è sensibilmente migliorata.


I risultati dei test relativi a CPU e GPU mostrano un andamento allineato a quello del primo Surface Go, con un leggero incremento in alcune occasioni dovuto principalmente alla frequenza operativa lievemente superiore. Il sistema è sempre reattivo e l'inevitabile thermal throttling non è così penalizzante. A batteria e con modalità risparmio attiva la situazione cambia un pochino e non è raro notare qualche piccolo lag; nulla che rende la soluzione completamente inutilizzabile.

Nessuna novità anche per quanto riguarda le temperature d'esercizio che restano molto buone sia internamente che all'esterno. Ancora più fredda è la tastiera che non avendo alcuna componente elettronica al suo interno rimane sempre ad una temperatura confortevole.

Autonomia Surface Go

Consumo orario Autonomia
Navigazione Internet e Social
Chrome 6 tab / Telegram / Word
-20% 5 ore
Netflix App a schemo intero -13% 7.7 ore
Giochi / Rendering / Stress Test -50% 2 ore
Draining da chiuso
Connected Standby on (predefinito)
-2% 50 ore
Ricarica in standby
Alimentatore originale da 15V @ 1.6A
da 20% a 80% 60 minuti

Luminosità schermo al 50%, audio al 50%. Modalità "Batteria migliorata".

L'autonomia, seppure lievemente migliorata rispetto al predecessore, rimane un po' il limite di Surface Go 2. La durata media in WiFi, con navigazione in Internet, streaming e un qualche software si attesta sulle sei ore abbondanti, in uno scenario meno energivoro come lo streaming video su Netflix si superano le sette ore e mezza.

Il merito è del processore, dotato di un hardware e di codec che permettono di guardare video in streaming senza incidere troppo sulla batteria e sul consumo di banda agevolando anche i software di videoconferenza. La ricarica completa (standby) della batteria da 27Wh con il caricatore incluso in confezione avviene in circa un'ora e mezza.

TRE CONFIGURAZIONI, DIVERSI PREZZI

Il Surface Go 2 è disponibile in tre configurazioni WiFi e una LTE, ma ritengo quella intermedia che ho testato la versione minima da cui partire per considerarne l'acquisto. La versione base infatti, pur costando 469 euro, monta una combinazione di memorie poco allettante. A fronte di un processore identico a quello provato qui abbiamo infatti soltanto 4 GB di RAM (ormai pochini per un prodotto Windows) e 64 GB di storage su eMMC.

Quella intermedia, e a nostra disposizione, come spiegato sopra, monta un processore Intel Pentium 4425Y con 8 GB di RAM e 128 GB di archiviazione su SSD PCIe, e costa 639 euro. La versione di punta dotata invece di Intel Core M3 di ottava generazione, 8GB di RAM e SSD da 128 GB costa 729 euro nella variante solo WiFi e 839 euro nella variante LTE.

Tutti i prezzi sono da considerarsi unicamente per l'acquisto del tablet, al quale va aggiunto il costo della tastiera (129,99 euro sul Microsoft Store e qualcosa in meno sugli altri store online) così come quello della Surface Pen (114,99 euro su MS Store).

CONCLUSIONI

In generale si tratta di un buon prodotto, specialmente per chi ha bisogno di un pc piccolo e leggero ma non vuole rinunciare alla comodità di un tablet. Si tratta di un dispositivo unico per form factor, dimensioni e fascia di prezzo: un pc che, se valutato con criterio, ha tutto ciò che si trova sui modelli più ingombranti e davvero sta nello spazio di un libro, pur con tutti i limiti che lo distinguono dal fratello maggiore Surface Pro, a tutt'altro livello per prezzo e prestazioni.

Al netto dell'autonomia, il Surface Go 2 è un prodotto a fuoco per un certo tipo di utilizzo, prettamente scolastico, accademico o da ufficio, che negli ultimi tempi si è andato espandendo a causa dello smart working e della necessità di tenere le lezioni a distanza. Oltre a questo non dobbiamo dimenticarci che ormai molti software aziendali girano in cloud, lasciando la parte più pesante del lavoro ai server e trasformando il notebook in una semplice interfaccia.

In quest'ottica sarebbe un ottimo acquisto, non fosse per il prezzo che nella configurazione con tastiera ed eventualmente penna diventa davvero elevato: se non si è strettamente legati alla visione 2-in-1 con la possibilità della modalità tablet, alla stessa cifra si trovano laptop con allestimenti hardware migliori, anche se con qualità costruttiva probabilmente inferiore.

Insomma, allo stesso prezzo Microsoft avrebbe potuto includere nella confezione almeno la tastiera. Su questo fronte però è utile tener d'occhio le offerte online e anche il Microsoft Store, che negli ultimi tempi ha proposto delle offerte interessanti: con il Back to School di inizio settembre, ad esempio, era possibile risparmiare circa 180 euro sulla versione Intel Core M3 WiFi.

PRO E CONTRO
SCHERMO PIÙ GRANDEVIDEO IN 1080POTTIMA QUALITÀ COSTRUTTIVAVERSATILITÀ
PREZZO ELEVATOASSENZA DI ACCESSORI
VIDEO

Il miglior Galaxy del 2020? Samsung Galaxy S20 Plus, in offerta oggi da Mobzilla a 625 euro oppure da Unieuro a 739 euro.

339

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Lucy Horne
Lucy Horne
Mauro Morichetta

Cito "L'autonomia, seppure lievemente migliorata rispetto al predecessore, rimane un po' il limite di Surface Go 2. La durata media in WiFi, con navigazione in Internet, streaming e un qualche software si attesta sulle sei ore abbondanti, in uno scenario meno energivoro come lo streaming video su Netflix si superano le sette ore e mezza.

Il merito è del processore, dotato di un hardware e di codec che permettono di guardare video in streaming senza incidere troppo sulla batteria e sul consumo di banda agevolando anche i software di videoconferenza. La ricarica completa (standby) della batteria da 27Wh con il caricatore incluso in confezione avviene in circa un'ora e mezza"
Ergo se si usassero le web app ad esempio Documenti, fogli ecc potrei arrivare ad una autonomia di 8 ore piuttosto che usare della applicazioni residenti, se poi non si installa Chrome ma Edge che è ottimizzato per Windows 10 si potrebbe avere una esperienza ancor più longeva o quantomeno si dovrebbero passare le 6 ore di autonomia, almeno in linea teorica. Da utilizzatore di Chome OS ho compreso bene il potere delle web app se usate in maniera corretta si potrebbero avere delle belle soddisfazioni. Ora che ne scrivo stavo quasi dimenticando che Microsoft stessa propone preinstallato, la suite office on line, per cui con Edge si potrebbe fare tutto senza aggiungere programmi o siti esterni, questo darebbe al tablettino Microsoft un'altra faccia che ne potrebbe giustificare il prezzo anche se a dire il vero lo trovo proibitivo.

Dwarven Defender

forse tre o quattro volte e quasi sicuramente per sbaglio...

Bastia Javi
Dwarven Defender

riprova, mettendo il punto interrogativo https://uploads.disquscdn.c...

Bastia Javi

mica è una affermazione, è una semplice domanda,
riprova

Dwarven Defender

ripetendolo non diventa un'affermazione meno stupida...

Bastia Javi

ripeto
''quante volte fai click su un banner pubblicitario su accadibloghe''

Squak9000

mattone pesante...

pollopopo

Windows 10 ha una modalità tablet imbarazzante, in particolare se usato in verticale....

pollopopo

windows e 10 pollici non vanno molto d'accordo, già con 12 siamo borderline.....

Dwarven Defender

Coccolino mio, adesso però mi riempi di travolgente e infinita mestizia se mi dimostri che è monetizzata anche la semplice visualizzazione della pubblicità...

Miki_73

Come "mini ultrabook" è probabilmente uno dei migliori in commercio, se utilizzato come un pc è leggero, costruttivamente ineccepibile, con una buona autonomia e con la miglior penna possibile su dispositivi Windows. Come tablet invece.... meglio guardare altrove, purtroppo Windows10 e il suo store lo ammazzano male.

efremis

64 GB su Windows dovrebbe essere illegale su Windows (ancor di più sulla linea Surface), se penso che ci si lamenta da anni inutilmente sui telefoni per i 64 GB.
Già 128 sono veramente ridotti all'osso.

Gark121

No, non è un 2 in 1.
Perché non è un Tablet. Ha il form factor di un Tablet, ma come tale è totalmente inusabile. Chi ti scrive ha un "2in1" con windows da anni. E te lo posso dire con certezza, niente che monti windows è usabile senza mouse e tastiera per far altro oltre a guardare YouTube, un film o sentire musica.
Se vai su internet senza mouse e tastiera, aprire un link diventa un parto, rispondere ad un commento richiede mezz'ora, e praticamente ogni cosa la fai male. Se vuoi fare qualsiasi altra cosa, anche solo spostare dei file, sei in difficoltà. Te lo ripeto, non è un Tablet.
E come PC fa essenzialmente s c h i f o, troppo piccolo e troppo scarso.
Tornando al tuo paragone, è come se uno che abita in una strada dissestata ma gira in città si comprasse una tesla model X, che non è alta da terra, non ha gomme a spalla alta, e oltretutto per muoversi in città è logicamente scomoda perché è grossa come una casa.
Non si tratta di vedere bianco o nero. Si tratta di non prendersi per il c u l o da soli.

ste

e invece posso lavorarci eccome, dipende da cosa ci devi fare. se devo usare autocad magari no, se uso principalmente browser /office si

ste

ah, non è un 2 in 1. e già qui non dovrei più risponderti. anche un SUV non è ne una sportiva ne un fuoristrada, è appunto un SUV. eppure se mi serve per particolari esigenze (ad esempio abito in strada dissestata ma faccio prevalentemente km in città) è la scelta migliore. voi che vedete solo bianco o nero siete veramente noiosi

Bastia Javi

prima di ridere ci puoi dire quante volte fai click su un banner pubblicitario su accadibloghe.

mr.business

io considero l'unico surface il book 3 da 15 pollici

sassi

ma perché mi fai il doppio click qui? :) :)

https://uploads.disquscdn.c...

Fabietto

Ne uso uno tutt'ora collegato alla TV di casa (leggermente aggiornato aumentando la RAM e con un SDD) ma quegli eeepc erano e sono ancora un disastro...

NEXUS

ahahha povero tardo. Su surface usi tutti i programmi per pc, su ipad solo app da tablet

iTunexify

Però Geekbench in realtà dovrebbe essere strutturato proprio per quello. Ma anche rimanendo in ambito “computer”, il più schifoso dei MacBook Air del 2013 con processore base (parliamo della 4ºgen, ere geologiche fa) andava meglio di questo coso

Anto71

Perchè c'è sempre più gente sul divano. Ergo, vanno di ipad

Giorgio

Ma quello lo fa una nicchia di utenza, come una nicchia sono quelli che fanno montaggio video.
Trovo infatti abbastanza ridicolo basare le recensioni su quello che fanno i recensori di ma tant'è

piero

lol

piero

picciotti. un po'di ironia

Antonio Guacci

Di nulla, è molto probabile che non te ne sia mai accorto: su tutti i Surface che ho provato (gli ultimi sono stati Studio 2 e Book 3), il problema è sempre stato presente (anche con l'uso di un righello, il jittering trasforma la retta in un'onda continua, come da immagine che ti allego relativa a un Pro 4: altra prova che puoi fare).

https://uploads.disquscdn.c...

Saturno

Non mi è mai capitato, ma forse non ci ho mai fatto caso, in realtà. Più tardi faccio una prova. Grazie della spiegazione

DonatoMonty81

Se non paga, il problema è di chi ha ricevuto il finanziamento, del bene acquistato può farci quel che vuole

Grammo

Assolutamente no. Quando compri con la finanziaria il debito è tra l'acquirente e la finanziaria. Il blocco avviene nel caso di acquisto mezzo operatore.

Antonio Guacci

Il jittering è quel fenomeno per cui, tracciando lentamente, a mano fermissima, una linea dritta, essa comunque appare tutta ondulata o frastagliata (problema che diventa più evidente con le linee oblique).

Non è un problema di software (almeno, non nel modo che intendi), ma proprio di trasmissione/ricezione dell'input: un punto viene registrato lungo un'ipotetico asse x, quello successivo magari in una posizione x -1 (quando dovrebbe invece essere comunque su x), e quello dopo ancora su x +1.

Ti allego alcuni esempi ottenuti proprio sui Surface (su iPad, questi obbrobri non avvengono mai, ma proprio mai):

https://uploads.disquscdn.c...

Saturno

Saresti così gentile da spiegarmi che intendi per "jittering"? Comunque, sei sicuro che non abbia a che fare col software? Io stesso noto maggiori ritardi quando il Surface si surriscalda, ma il SP3 non ha mai avuto una buona dissipazione del calore.

Antonio Guacci

Assolutamente no: provati un po' tutti, e i Surface (anche gli Studio) a livello penna offrono una esperienza peggiore pure rispetto a un iPad 7 (jittering e delay a manetta, sulle penne Windows). Buoni per scrivere, per altro invece... Meh.

Grammo

Esattamente, ma in 10,1 pollici office lo usi male secondo cosa devi fare.

Saturno

Non è un OS per piccoli laptop, non è un OS per tablet. Non va bene per nessuno degli usi di questo Surface Go 2

Saturno

10 pollici e mezzo (che potrebbero facilmente diventare 11 nello stesso form factor, ma va be') vanno più che bene per l'utilizzo che ti dicevo. Ma questo a patto che ci sia una UI che lo permetta. È la situazione attuale di Windows che ammazza questi prodotti, più della mancanza di app

pierpaolo rossi

Corretto. Io ho un Asus T102 che è simile al Go 2 ma ancora meno dotato lato hardware. Lo uso come seconda macchina (come primo PC ho un portatile aziendale) e per questa funzione più che sufficiente.
Per uso personale (web, posta, office leggero, qualche video e film), va benissimo, per uso lavorativo mi serve poco, ho sempre con me il PC aziendale, ma se vado in vacanza mi porto l'Asus e in caso di necessità mi posso connettere con il server aziendale (cosa che non potrei fare con I Pad o tablet Android),e gestisco i file nello stesso ambiente.
Certo usato come tablet non è a livello degli altri due, ma se ci si abitua si fanno tante cose.
Però l'Asus l'ho pagato 350 con tastiera e penna......

DonatoMonty81

Il "secondo me" avrebbe più senso se fosse accompagnato da una prova del dispositivo.
I netbook erano delle macchine vergognose, ma che per l'epoca e la tecnologia esistente avevano il loro perché, mentre il Surface Go è di un altro pianeta sia perché il SO gira senza problemi che per la qualità costruttiva.
Sinceramente non ho provato la versione con Pentium Gold, ma ti posso assicurare che la configurazione con m3 va molto bene, gira tranquillamente anche Photoshop

Ciccio

Perché cos' ha d'esclusivo il Surface Pro?

Ciccio

Ed aggiungo che non è un sistema operativo adatto ai controlli touch.

Ciccio

Che io sappia puo venire bloccato solo se acquistato con contratto da operatori telefonici ed anche in quel caso ci sono delle eccezioni,per esempio se ha già pagato una rata ,che io sappia,il blocco non puo essere effettuato.

pierpaolo rossi

Secondo me la tastiera non la hanno messa pensando a chi già aveva il primo modello e poteva utilizzare la vecchia. Solo che lo fanno pagare come se avesse la tastiera inclusa

OT compravendita fra privati, uno smartphone acquistato rateizzato in nota catena di elettronica può venire bloccato nel caso in cui il primo acquirente smetta di pagare le rate? O questo vale solo per i contratti stipulati con gli operatori telefonici?

Squak9000

allora ne hai provate poche...

Grammo

No, è un tablet, fa il tablet. Questo che cos'è? Il nulla.

ennesimo

Eh già un iPad Pro border less con tastiera con trackpad é molto meglio

gian77

Quasi 700 euro per un utilizzo studente? OK!

pako8x

Perché con tutte le migliorie che possono aver fatto su win10, è comunque un OS che ha bisogno di un altro tipo di hardware.

Huawei Watch Fit, GT 2 Pro, FreeBuds Pro e MateBook 14 AMD | Prezzi e Anteprima

Le 10 migliori estensioni per Chrome che utilizziamo quotidianamente

Microsoft e Google: breve storia di un'insolita alleanza

Come scegliere un PC portatile: cosa guardare prima di comprare un notebook