Huawei Mate 40: l'arrivo sul mercato rischia di slittare al 2021

14 Settembre 2020 22

Huawei rinnova l'offerta di smartphone della serie Mate in autunno, ma quest'anno le cose potrebbero andare diversamente. A condizionare i piani del produttore cinese relativi alla distribuzione dei prossimi Mate 40 è l'inasprimento del ban disposto dagli Stati Uniti che continua a fare terra bruciata tra a Huawei e i suoi fornitori.

Ad avvalorare l'ipotesi del ritardo nella commercializzazione degli smartphone Mate 40 è intervenuto nelle scorse ore il leaker Evan Blass che sostiene come per entrare in possesso di uno dei modelli della linea sarà necessario attendere il prossimo anno:

L'indiscrezione arriva a poche ora di distanza dall'ulteriore giro di vite che scatterà domani (15 settembre) e che impone anche alle aziende non americane (ma che usano tecnologia americana) di interrompere i rapporti commerciali con Huawei o, in alternativa, di ottenere una licenza speciale per continuare a portarli avanti. Ciò comporta che partner molto importanti per Huawei interromperanno le forniture da domani: TSMC - che si occupa della produzione dei chip Kirin - ha già confermato lo stop, ma sono compromesse anche le nuove forniture di schermi di Samsung Display e LG display e dei semiconduttori di Samsung e SK Hynix.

Si dice che Huawei abbia accumulato scorte necessarie alla produzione dei suoi prossimi smartphone, ma non è dato sapere per quanto tempo saranno sufficienti. Il problema generato dal ban inoltre non è solo di natura hardware, visto che resta sempre lo scoglio dell'impossibilità di utilizzare i servizi di Google (GMS) e che HarmonyOS arriverà su smartphone non prima del 2021. In questo scenario ipotizzare uno slittamento della commercializzazione della linea Mate 40 non è affatto inverosimile.

È corretto sottolineare che Evan Blass non specifica se il ritardo riguarderà ogni mercato o solo quelli internazionali. Disponendo di scorte ridotte, Huawei potrebbe anche decidere di presentare comunque la linea Mate 40 in autunno privilegiando la domanda nel mercato interno e rimandare al prossimo anno una distribuzione su più ampia scala. Per ora non è che un'ipotesi in attesa di conferme.

Il TOP di gamma più piccolo di Apple? Apple iPhone SE, in offerta oggi da Phonemaxi a 390 euro oppure da Amazon a 469 euro.

22

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
skyeurope

Sono cinese faccio fatica

Giuseppi

Boh secondo me questa faccenda è talmente in perenne evoluzione che non è detta affatto l'ultima parola! Tutto da vedere ancora :)

Dmitri

che cimitero grammaticale.

Actarus71

Ma che stai a dì.. L'hai cannata completamente

Andrea Vaschieri

In europa ci sono le basi nato

tulio

Milgiori fotocamera verdi, per fotografare gli alieni

skyeurope
neripercaso

Però il latino è la nostra storia, il nostro modo di essere... io sono laureato in lettere e guardo alla tecnologia con passione e credo che davvero Huawei non tema la concorrenza con i suoi P40 Pro e Pro+, le foto migliori (tranne dei Pixel) ed hardware performante e poco convenzionale... scusa se è poco

tulio

si io progetto, le lingue inutili non le so

Alex

Peccato. Uauei faceva cosi ottimi device. RIP

Ginomoscerino

in UE si cerca di tenere tutti "amici", si accontentano gli USA da un lato e la Cina da un altro

neripercaso
Jinno

E vabbè tanto fuori dalla Cina non venderà molto

tulio

in italiano?

__init__

almeno scrivila bene...

neripercaso

Eh risam abbudant oreimo stultorimus

tulio

ahahahahahahahahahaha

ice.man

piu che i GMS la componentistica
Huawei è finita in mezzo ad un guerra populista da USA e China, guerra che serve a trovare un nemico esterno a cui dare la colpa dei fallimenti degli attuali governi

Roberto

io questo ban ancora non l'ho capito benissimo....
allora, non possono produrre kirin perché fatti con tecnologie americane .. finora utilizzate...ma se sono venduti ad esempio in europa, cosa cavolo può fregare? se spiano, spiano gli europei...
cioè per la sicurezza nazionale non possono ne essere venduti in america ne costruiti all'estero anche se poi saranno venduti all'estero.. mi pare impossibile essere padroni all'estero

poi, boh.. ne capisco poco.. cmq brutta roba la cina e gli states... vorrebbero fare bello e cattivo tempo nel mondo

neripercaso

Tanto la serie P40 Pro e Pro+ già ora compete con tutti i non fodable, quindi niente paura :)

Masashi Obata

Magari vogliono aspettare che si insedi il nuovo presidente USA(se sarà diverso) nella speranza di poter reintrodurre i GMS

Polnareff

Recensione Sony Xperia 5 II: il miglior top compatto Android

Recensione Realme 7 Pro: c'è di più oltre ai 65 Watt di ricarica

Recensione Samsung Galaxy Z Fold2: quello che non vi hanno detto, un mese dopo

Recensione Motorola Razr 5G: lo smartphone per distinguersi