Android 11, questa volta Google continuerà a rilasciare le Beta

09 Settembre 2020 5

Ieri, dopo tre mesi di Beta (la prima versione risale a giugno), è stato il giorno della versione stabile di Android 11. Il suo arrivo, normalmente, segna anche la cessazione del programma Beta cui hanno accesso i possessori di Google Pixel. Ma non sarà così quest'anno: con Android 11, infatti, Google ha deciso di cambiare strategia.

Se è vero che l'app Beta Feedback e l'Android Beta issue tracker chiuderanno presto i battenti - e fin qui nessuna sorpresa -, è vero pure che gli utenti iscritti al programma Beta, nei prossimi mesi, continueranno a ricevere aggiornamenti OTA separati rispetto a quelli della versione stabile. Quindi sarà possibile provare in anticipo quelle modifiche e novità che Google ha in progetto di mettere a disposizione degli utenti.

L'ultima Feature Drop introdotta: la possibilità di condividere la propria posizione su Maps in Live View.

In tutto questo, vi ricordiamo che il colosso di Mountain View ha introdotto per i propri smartphone Pixel una nuova tipologia di aggiornamento, i Feature Drop, che arrivano indipendentemente dalle patch di sicurezza portando nuove funzioni. L'ultima Pixel Feature Drop trimestrale arrivata con Android 11 riguarda - tra le altre cose - la possibilità di condividere la propria posizione su Google Maps in modalità Live View.

VIDEO


5

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Alex

Quello lo lascio a te

Desmond Hume

per telegram e instagram basta un umidigi, prendi quello e piangi in silenzio.

Alex

In effetti tutti necessitiamo di S865 per usare Telegram ed Instagram... /S meglio avere un os ottimizzato e longevo che hw pompato sprecato

Tiwi

bene

Desmond Hume

Se non altro dovendo sviluppare e tirare il collo a quelle mezze chiaviche di 730G e 765G su Pisel 4a e 5 ci troveremo un android ultra rapido sui Top.

Recensione Sony Xperia 5 II: il miglior top compatto Android

Recensione Realme 7 Pro: c'è di più oltre ai 65 Watt di ricarica

Recensione Samsung Galaxy Z Fold2: quello che non vi hanno detto, un mese dopo

Recensione Motorola Razr 5G: lo smartphone per distinguersi